Automatic assessment to enhance online dictionaries consultation skills

Carla Marello, Marina Marchisio, Marta Pulvirenti, Cecilia Fissore (2019), Automatic assessment to enhance online dictionaries consultation skills, in 16th INTERNATIONAL CONFERENCE on COGNITION AND EXPLORATORY LEARNING IN THE DIGITAL AGE (CELDA 2019), IADIS Press, pp. 331-338

Nowadays, students live in a technology-rich environment and quickly learn how to use different apps and technologies; their way of communicating with teachers and peers, interacting with learning materials, and demonstrating their knowledge have changed over the last years. For what concerns language teaching, among the various technologies that have spread since the advent of internet there are online dictionaries, i.e. monolingual or bilingual dictionaries (free or paid) that can be consulted via any mobile device. Online dictionaries could be a key tool to foster language competences, but they are not popular in schools. […]

Studying the use of digital dictionaries by students (Marello, 2014), we asked ourselves the following research question: how to increase the use and the circulation of online dictionaries between students? To answer to this question, two years ago the University of Turin has developed and promoted the nation-wide research project “Esplorare (con) i Dizionari Digitali”, that is ‘To Explore (with) Digital Dictionaries’, with the goal of helping students understand how online dictionaries are structured so that they can be consulted. The project makes the most of a Virtual Learning Environment that allowed the creation of a student-centered environment, so that students can easily approach online dictionaries and be trained on their use. The integration of the platform with an Automatic Assessment System has allowed the creation of tests with exercises, integrated with the consultation of online dictionaries, grouped by difficulty levels that allow to verify lexical knowledge. The project was made possible thanks to a fruitful cooperation with some high school teachers, who voluntarily chose to participate with their classes. Our research group designed interactive exercises to stimulate the use of online dictionaries. Teachers gave us feedback on how to refine them and chose which way to give the test to their students, whether at home or at school, in a computerized classroom supervised by teachers and researchers. In this paper, we analyze the answers given by almost 600 students in 5 different tests of different languages to understand whether the methodologies and technologies adopted have been influential in making students “meta-linguistic aware” and researchers “meta-design aware”. […] The integration of a VLE with an AAS for the consultation of online dictionaries allowed researchers to become “design aware” and students to become “meta-linguistically aware”. In fact, the AAS records all answers given, allowing more studies about how to improve both the content and the layout of exercises. The AAS also records the time spent on each test.

0 0 votes
Article Rating
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Marta Pulvirenti
Marta Pulvirenti
1 anno fa

I ragionamenti proposti in questo articolo del 2019 su come le tecnologie cambiano i modi di apprendere degli studenti, il loro modo di comunicare con insegnanti e coetanei, e interagire con i materiali didattici sono ancora molto attuali, soprattutto nel mondo dell’educazione post pandemia. La prof.ssa Marello ha sempre studiato le tecnologie che possono supportare e potenziare l’insegnamento delle lingue, tra cui i dizionari online, cioè dizionari monolingue o bilingue consultabili da qualsiasi dispositivo mobile. In particolare, come si legge ad esempio in un articolo del 2014 “Using Mobile Bilingual Dictionaries in an EFL Class”, la professoressa ha studiato l’uso dei dizionari digitali da parte degli studenti confrontandolo anche con l’uso dei dizionari cartacei. 

Matteo Sacchet
Matteo Sacchet
1 anno fa

In questa ricerca, di quasi 8 anni fa, si concludeva che la comodità di avere un dizionario su smartphone è sufficiente per giustificarne l’utilizzo in classe, perché un utente esperto esercita la propria capacità di utilizzare un dizionario e uno più debole svolge un’attività (meta)linguistica che, comunque, ha importanti ripercussioni sulla sua conoscenza e capacità di ricercare banche dati più complesse. Tuttavia gli studenti coinvolti non comprendevano appieno il valore della consultazione di un dizionario e si auspicava un cambiamento con l’introduzione di metodi di insegnamento basati sul Content Language Integrated Learning. 

Cecilia Fissore
Cecilia Fissore
1 anno fa
Reply to  Matteo Sacchet

Per promuovere  i dizionari digitali come strumento chiave per promuovere le competenze linguistiche, per aumentare il loro utilizzo nelle scuole e per motivare gli studenti a consultarli nasce nel 2017 il progetto di ricerca “Esplorare (con) i dizionari digitali”, co-finanziato dalla Fondazione CRT. La piattaforma del progetto (consultabile al link: https://esploradizionari.i-learn.unito.it/) è una piattaforma moodle integrata con un sistema di valutazione automatica che permette di realizzare esercizi integrati con la consultazione di dizionari online per la verifica delle conoscenze lessicali. Il progetto negli anni ha visto la collaborazione di moltissimi ricercatori per la progettazione e l’implementazione degli esercizi e di insegnanti delle scuole superiori che hanno scelto volontariamente di partecipare con le loro classi. La collaborazione tra ricercatori e insegnanti è stata fondamentale per avere feedback su come perfezionare gli esercizi e sul contributo dei dizionari digitali. Nell’articolo proposto si è dimostrato come le metodologie e le tecnologie adottate siano state influenti nel rendere gli studenti “meta-linguisti consapevoli” e i ricercatori “meta-design consapevoli”.